News

Il 730 è congiunto? Si può usare il credito Irpef della moglie

//
Posted By
/
Comment0
/
Categories

La dichiarazione congiunta non impedisce il pagamento attraverso compensazione dell’Irpef a debito del marito con quella risultante a credito dalla moglie. Questo anche se il credito d’imposta è maturato per il versamento delle ritenute operate per il lavoro prestato nell’impresa del marito. Ancorché i redditi di ciascuno vengano conteggiati separatamente infatti, l’unificazione delle posizioni fiscali dei coniugi non preclude l’attribuzione congiunta delle componenti che permettono la riduzione del carico fiscale complessivo, quali appunto le ritenute subite, i crediti d’imposta e/o le detrazioni. È quanto emerge dalla sentenza 8533/2016 della Cassazione.

La vicenda

A un uomo, dopo avere presentato la dichiarazione reddituale congiunta insieme alla moglie, l’Amministrazione in base all’attività di liquidazione automatizzata notifica per il 1996 con il concessionario della riscossione una cartella recante un ruolo per Irpef, Ilor e contributi del Servizio sanitario nazionale non versati. Secondo il Fisco, infatti, la compensazione operata dal contribuente tra l’imposta a suo debito e il credito Irpef maturato dalla moglie non è valida in quanto i crediti della donna derivano dall’assoggettamento ad Irpef a titolo di acconto dei compensi percepiti per l’attività di lavoro da lei svolta presso l’impresa del marito e non possono dunque essere utilizzati. L’uomo si oppone in Ctp. La dichiarazione congiunta consente sempre la determinazione dell’imposta complessiva da versare in base alla somma algebrica delle imposte a debito/credito di ciascuno. Dopo l’iniziale accoglimento della Ctp, a seguito di appello dell’Amministrazione la sentenza viene riformata con il rigetto del ricorso. Ma il contribuente non demorde e va in Cassazione, dove la Corte accoglie la tesi difensiva.

La decisione della Cassazione
L’articolo 17 della legge 144/1997 concede ai coniugi la facoltà di presentare un’unica dichiarazione dei redditi ai fini Irpef, nella quale le imposte conteggiate separatamente sul reddito complessivo di ciascuno si sommano. In base a questo sistema, tuttavia, l’unificazione delle posizioni dei coniugi vale sul piano dell’imposizione fiscale complessiva mentre le componenti che consentono la riduzione dell’imposta totale dovuta, quali appunto le ritenute subite, le detrazioni spettanti ed i crediti di imposta, anche laddove originariamente propri di ciascun coniuge, vengono applicate non sulle singole posizioni di ciascuno bensì sull’ammontare complessivo delle imposte dovute da entrambi i dichiaranti.

Pertanto, conclude la Corte, ha errato la Ctr nel ritenere illegittima la compensazione operata tra il debito Irpef del marito e il risultante credito Irpef della moglie, anche se quest’ultimo è maturato per le ritenute Irpef in acconto operate sui compensi percepiti attraverso l’attività di lavoro svolta dalla donna nell’impresa del marito.
[fonte: Ilsole24ore]
Informativa sulla privacy

Informativa sul Trattamento dei Dati Personali – Contatti e Preventivi

In osservanza di quanto previsto dal Regolamento UE 2016/679 e relativa normativa nazionale di adeguamento, forniamo all’Interessato le dovute informazioni in ordine alle finalità e modalità del trattamento dei dati personali per ciò che concerne i dati rilasciati nel modulo Contatti di questo sito web, nonché l’eventuale ambito di comunicazione e diffusione degli stessi.

Il trattamento dei dati è improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza, limitazione delle finalità e della conservazione, minimizzazione, esattezza, tutela con ogni mezzo legittimo dell’integrità, riservatezza e dei diritti previsti.

  1. Titolare del Trattamento (Responsabile e Incaricati)

Il Titolare del Trattamento è Studio Favretto & Associati, con sede in Piazza Brescia 17/5 – 30016 Jesolo, Italia, contattabile all’indirizzo info@studiofavretto.it .

Le operazioni di trattamento saranno effettuate da Incaricati designati dal Titolare del Trattamento, i quali operano sotto la sua diretta autorità nel rispetto delle istruzioni ricevute.

Il Responsabile della Protezione dei Dati (RPD – DPO) nominato internamente è: Favretto Filippo, contattabile all’indirizzo info@studiofavretto.it .

  1. Finalità

Informiamo l’Interessato che i dati personali, volontariamente forniti attraverso la compilazione on-line dei campi del modulo Contatti e del modulo Preventivi di questo sito web, saranno trattati esclusivamente per l’attività di invio preventivi e/o risposta per quanto dallo stesso richiesto e per finalità di legittimo interesse del Titolare del Trattamento.

Trattamenti dei dati per finalità diverse da quelle qui specificate non saranno effettuati se non previo consenso esplicito dell’Interessato e consegna della relativa informativa.

  1. Natura del conferimento dei dati

Il conferimento dei dati nei campi del modulo Contatti o del modulo Preventivi è facoltativo ad esclusione di quelli indicati come obbligatori. Quest’ultimi, infatti, sono necessari al raggiungimento delle finalità ed il rifiuto dell’Interessato a fornirli determinerà per il Titolare del Trattamento e relativi Incaricati  l’impossibilità di inviare le risposte e/o i preventivi richiesti.

  1. Modalità del Trattamento

I dati verranno trattati con strumenti informatici nel rispetto delle misure di sicurezza previste dalla normativa vigente.

I dati personali forniti dall’Interessato mediante la compilazione on-line dei campi del modulo Contatti o del modulo Preventivi in occasione dell’invio delle relative richieste, saranno conservati nel relativo applicativo esclusivamente per gli scopi sopra indicati.

Ai fini del presente paragrafo, il Titolare del Trattamento si impegna a osservare specifiche misure di sicurezza per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti e accessi non autorizzati, nel pieno rispetto delle norme di legge e dei regolamenti.

  1. Liceità

L’Interessato deve esprimere il consenso al trattamento dei propri dati personali per le finalità previste dalla presente Informativa per poter ricevere le informazioni e/o i preventivi richiesti.

  1. Comunicazione dei dati a terzi

I dati raccolti e trattati in riferimento a questa informativa non vengono comunicati a terze parti.

  1. Tempi della conservazione

I dati saranno archiviati per la durata di 2 anni dopo l’ultimo contatto, a meno che lo stoccaggio più lungo sia legalmente consentito per altri motivi o per il legittimo interesse del Titolare del Trattamento.

  1. Diritti dell’Interessato

L’interessato ha diritto di:

Per ulteriori informazioni sui diritti sulla privacy invitiamo l’Interessato a visitare il sito web dell’Autorità Garante: www.garanteprivacy.it .

L’Interessato che vuole esercitare un suo diritto deve utilizzare i contatti del Titolare del Trattamento.

CHIUDI