News

Fatture false, concorso per il professionista

//
Posted By
/
Comment0
/
Categories

Risponde di concorso nel reato di emissione di fatture false il professionista che suggerisce a propri clienti di utilizzare tali documenti per abbattere il carico fiscale.

A confermare tale principio è la Corte di Cassazione, terza sezione penale, con la sentenza n. 17418 depositata ieri.

Un professionista incaricato di curare la contabilità di varie aziende, era stato accusato di concorso nell’emissione di fatture per operazioni inesistenti, per aver prospettato a due dei propri clienti la possibilità di inserire dei costi al fine di ridurre il carico fiscale.

La Corte di appello, riformando parzialmente la decisione del Tribunale, lo aveva condannato alla pena di un anno e 7 mesi di reclusione.

L’imputato aveva proposto così ricorso per Cassazione, lamentando, in estrema sintesi, un vizio di motivazione e il travisamento del fatto e della prova. In particolare, aveva rilevato che il giudice territoriale aveva fondato la propria decisione sul ritrovamento presso il suo studio sia delle fatture false, sia degli assegni emessi in favore del fornitore. La Corte di appello aveva però trascurato che la ragione di tale ritrovamento era legata all’incarico per la tenuta della contabilità, ricevuto dal soggetto che aveva emesso le fatture.

La Cassazione ha ritenuto inammissibile il ricorso per manifesta infondatezza, poiché la sentenza risultava adeguatamente motivata.

Infatti, il giudice di appello aveva evidenziato che gli assegni rinvenuti erano numerosi e tutti intestati a “me medesimo”, così da escludere che il professionista, nonostante fosse il «prenditore formale dei titoli», risultasse come intermediario. Inoltre, era stato dato rilievo anche alla consapevolezza dell’imputato, in quanto tenutario delle scritture contabili, della circostanza che nonostante il soggetto emittente le fatture false fosse un imprenditore edile, i documenti si riferivano a operazioni commerciali di argento.

Secondo la Suprema Corte, quindi, il collegio territoriale aveva puntualmente disatteso le difese e confermato la tesi accusatoria.

I giudici di legittimità hanno poi richiamato il principio secondo cui vi è concorso nel reato di frode fiscale di coloro che, pur essendo estranei e non rivestendo cariche nella società emittente le fatture per operazioni inesistenti, abbiano in qualsivoglia modo partecipato a creare il meccanismo fraudolento che ha consentito alle utilizzatrici dei documenti il risparmio di imposta.

Peraltro non rileva la prova dell’effettivo inserimento in dichiarazione delle fatture, poiché il delitto di cui all’articolo 8 del Dlgs 74/2000, è di pericolo e punisce la sola emissione o rilascio.

Differentemente, invece, l’articolo 2 dello stesso decreto (dichiarazione fraudolenta mediante utilizzo di fatture per operazioni inesistenti) richiede non solo l’esistenza di tali documenti, ma anche il loro inserimento in una delle dichiarazioni presentate ai fini delle imposte dirette o l’Iva.

La decisione conferma così l’orientamento della Suprema Corte in tema di concorso del professionista nella frode perpetrata dai propri clienti.

Con la sentenza n. 1684/2013 era stato affermato infatti che ai fini del concorso nel reato di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 74/2000, il possesso di fatture false e del timbro dell’emittente presso lo studio costituisce prova inequivocabile della partecipazione alle condotte criminose contestate.

Sul fronte dei costi, invece, è stato precisato (sentenza n. 39873/2013) che risponde di concorso nel reato di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti (articolo 2 del Dlgs n. 74/2000) il commercialista che contabilizza nelle dichiarazioni del cliente fatture che sapeva essere false. Nella specie, la prova era stata ravvisata nella circostanza che il ruolo di mere «cartiere» delle società emittenti le fatture era noto al professionista, poiché la sede sociale coincideva in un caso con il proprio ufficio e, in altro, con l’indirizzo di un amministratore nel frattempo deceduto.

La Corte di Cassazione ha così precisato anche che un professionista appena avveduto avrebbe dovuto quanto meno sospettare del carattere fittizio delle fatture in ragione della generica descrizione fornita rispetto a importi considerevoli.

DOCUMENTI

Informativa sulla privacy

Informativa sul Trattamento dei Dati Personali – Contatti e Preventivi

In osservanza di quanto previsto dal Regolamento UE 2016/679 e relativa normativa nazionale di adeguamento, forniamo all’Interessato le dovute informazioni in ordine alle finalità e modalità del trattamento dei dati personali per ciò che concerne i dati rilasciati nel modulo Contatti di questo sito web, nonché l’eventuale ambito di comunicazione e diffusione degli stessi.

Il trattamento dei dati è improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza, limitazione delle finalità e della conservazione, minimizzazione, esattezza, tutela con ogni mezzo legittimo dell’integrità, riservatezza e dei diritti previsti.

  1. Titolare del Trattamento (Responsabile e Incaricati)

Il Titolare del Trattamento è Studio Favretto & Associati, con sede in Piazza Brescia 17/5 – 30016 Jesolo, Italia, contattabile all’indirizzo info@studiofavretto.it .

Le operazioni di trattamento saranno effettuate da Incaricati designati dal Titolare del Trattamento, i quali operano sotto la sua diretta autorità nel rispetto delle istruzioni ricevute.

Il Responsabile della Protezione dei Dati (RPD – DPO) nominato internamente è: Favretto Filippo, contattabile all’indirizzo info@studiofavretto.it .

  1. Finalità

Informiamo l’Interessato che i dati personali, volontariamente forniti attraverso la compilazione on-line dei campi del modulo Contatti e del modulo Preventivi di questo sito web, saranno trattati esclusivamente per l’attività di invio preventivi e/o risposta per quanto dallo stesso richiesto e per finalità di legittimo interesse del Titolare del Trattamento.

Trattamenti dei dati per finalità diverse da quelle qui specificate non saranno effettuati se non previo consenso esplicito dell’Interessato e consegna della relativa informativa.

  1. Natura del conferimento dei dati

Il conferimento dei dati nei campi del modulo Contatti o del modulo Preventivi è facoltativo ad esclusione di quelli indicati come obbligatori. Quest’ultimi, infatti, sono necessari al raggiungimento delle finalità ed il rifiuto dell’Interessato a fornirli determinerà per il Titolare del Trattamento e relativi Incaricati  l’impossibilità di inviare le risposte e/o i preventivi richiesti.

  1. Modalità del Trattamento

I dati verranno trattati con strumenti informatici nel rispetto delle misure di sicurezza previste dalla normativa vigente.

I dati personali forniti dall’Interessato mediante la compilazione on-line dei campi del modulo Contatti o del modulo Preventivi in occasione dell’invio delle relative richieste, saranno conservati nel relativo applicativo esclusivamente per gli scopi sopra indicati.

Ai fini del presente paragrafo, il Titolare del Trattamento si impegna a osservare specifiche misure di sicurezza per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti e accessi non autorizzati, nel pieno rispetto delle norme di legge e dei regolamenti.

  1. Liceità

L’Interessato deve esprimere il consenso al trattamento dei propri dati personali per le finalità previste dalla presente Informativa per poter ricevere le informazioni e/o i preventivi richiesti.

  1. Comunicazione dei dati a terzi

I dati raccolti e trattati in riferimento a questa informativa non vengono comunicati a terze parti.

  1. Tempi della conservazione

I dati saranno archiviati per la durata di 2 anni dopo l’ultimo contatto, a meno che lo stoccaggio più lungo sia legalmente consentito per altri motivi o per il legittimo interesse del Titolare del Trattamento.

  1. Diritti dell’Interessato

L’interessato ha diritto di:

Per ulteriori informazioni sui diritti sulla privacy invitiamo l’Interessato a visitare il sito web dell’Autorità Garante: www.garanteprivacy.it .

L’Interessato che vuole esercitare un suo diritto deve utilizzare i contatti del Titolare del Trattamento.

CHIUDI